mag 11

Commento di un fantasioso non esperto

3 commenti

C'è altro. Oltre al mondo fuori dalla sala, oltre all'applauso finale del concerto. Il corpo lo sa: al ritmo di qualcos'altro si muove.

 

Stasera ho assistito al Concerto per due violini di Bach e Le Quattro Stagioni di Vivaldi. Non sono un intenditore né un esperto nel campo, ma solamente un curioso che, poco a poco, ha imparato a conoscere e apprezzare qualcosetta della Musica con la "M" maiuscola. Il pezzo di Vivaldi è conosciutissimo, sentito e risentito, ma dal vivo tutta un'altra cosa - e per intero poi. Mi ha colpito di più Bach, forse proprio perché non lo conoscevo questo pezzo (d'altronde come tutte le volte che l'ho ascoltato: mi ha sempre colpito finora). Qualche giorno prima del concerto l'ho ascoltato in cuffietta, tutto quanto, ma non di fila. Perché se non conosco un pezzo tendo più facilmente a distrarmi, non sono un intenditore. Così mi è stato più facile ascoltare nell'insieme i quindici minuti, e persino stando attento a tutte le voci.

Il suono di aggeggi di legno, con delle corde tese, parla un linguaggio - bello, nel caso di questo concerto di Bach, semplicemente bello - che non conosce le parole. Tutto qui? Solamente bello? Non so, a volte, invece, mi viene da alzarmi e correre, saltare. Se nessuno lo fa, deduco, probabilmente è poco educato. Altre volte, e penso in questo caso al secondo movimento per esempio, dopo aver constatato la presenza di qualcosa di bello che riempie o comanda il tempo, mi trovo a constatare la presenza di un certa nostalgia. Nostalgia? - mi chiedo. Non ho mai ascoltato questo pezzo, che dico? Sono un po' fantasioso, lo ammetto. Non tanto un sentimentale, quanto un fantasioso. C'è altro - e se una parte di me fosse stata in un luogo, chissà quando, e la mia mente non lo ricordasse più? E poi voglio vincere. Che c'entra questo? Voglio combattere lealmente - saltando, correndo - e voglio vincere. Perché? Be', per far quadrare le cose: avevo constatato, giusto prima, la presenza di qualcosa di bello; non potrebbe essere altrimenti. Ma forse, dopotutto, pensandoci bene, più che conoscere e apprezzare la Musica con la "M" maiuscola, quasi quasi è meglio farsi conoscere. Banale, lo so. Ma che bello lasciare che parli di te, senza l'indelicatezza e la precisione delle parole. E poi, a farlo, non sono le persone inopportune, quelle che credono di sapere tutto di te, quelle che ti sminuiscono, quelle che credono di comprenderti in un lampo, i maestri di vita, che sanno tutto di tutto di tutti e soprattutto di te. E non più il tempo, ma sarei io ad essere dettato, ad essere condotto, ad essere riempito.

 

Ringrazio il lavoro che fanno i ragazzi di IucTube. A volte, all'opera, basta solamente essere un po' introdotta per essere apprezzata da non esperti e fantasiosi come me; e una dose (q.b.) di pazienza.

Grazie @pdipiramo per queste tue belle parole. Hai ragione, con la musica non si deve solo conoscere ma anche lasciarsi conoscere (o riconoscere?). Per te che vuoi"combattere lealmente" e vincere, potrà tornarti utile sapere che la parola "concerto" (forse) viene dal latino cum-certare = gareggiare, combattere insieme. Continua a seguirci e sta' certo che non mancheranno altre sorprese!

Siamo felici di poter leggere commenti così dettagliati ed esaustivi come questo! Grazie @pdipiramo , siamo qui per condividere insieme tutto ciò di cui la musica ci parla :)

Colpisce la tua descrittività, il tuo entusiasmo e la tua gioia nel condividere la tua esperienza di ascolto! Grazie @pdipiramo!

I post più recenti
  • Sfumature diverse per ognuno dei sei concerti, timbri che si mescolano con un ritmo energico, con spazi intensi di virtuosismo per alcuni strumenti...davvero emozionante! Notevoli anche le guide curate dai ragazzi di IUCtube, che con grande passione fanno sempre un lavoro eccellente e ti fanno immedesimare nell'ascolto già prima del concerto! Bravi bravi!!
  • Ieri abbiamo assistito ad una vera maratona, quella dell'orchestra Zefiro con l'esecuzione di tutti e sei i Concerti Brandeburghesi di Bach. Che impressioni ti ha lasciato? Raccontacelo qui sotto!
  • Ieri sera la sala era gremita per il concerto di inaugurazione di questa stagione: "Gesualdo Project I" de "Les Arts Florissants". E tu, c'eri? Lasciaci le tue impressioni!!!

CONTATTI

Istituzione Universitaria dei Concerti

Lungotevere Flaminio, 50 00196 Roma

segreteria@istituzioneuniversitariadeiconcerti.it

tel. +39 06 3610051/2 fax +39 06 36001511

 

  • IUC
  • IUC
  • IUC

Creavit libenter Matthaeus Macinanti anno MMXIX