PROGRAMMA DI SALA

 

 

La prima parte del concerto è dedicata alle opere del compositore fiorentino Mario Castelnuovo-Tedesco, del quale si è celebrato l’anno scorso il cinquantesimo anniversario dalla scomparsa. Apre la serata il Capriccio diabolico per chitarra e orchestra op. 85b, in prima esecuzione italiana. Composto per Andrés Segovia nel 1935 come brano per chitarra sola, il Capriccio diabolico venne orchestrato nel 1945 dallo stesso Castelnuovo-Tedesco, che non ebbe mai l’occasione di ascoltarlo in questa nuova versione, poiché fu eseguita per la prima Mario Castelnuovo-Tedesco volta solo nel 1995 in Norvegia dal chitarrista Martin Mastik e la Bergen Filharmoniske Orkester diretta da Dmitri Kitajenko. Apprendiamo dalle testimonianze del chitarrista e musicologo Angelo Gilardino che la nascita di questa orchestrazione avvenne in seguito a un’esecuzione segoviana del brano solistico che poco convinse Castelnuovo-Tedesco. Questi si propose pertanto di «ancorare la chitarra in una scansione ritmica più solida e ordinata, arricchendo anche l’aspetto timbrico»; il sostegno dell’orchestra, nelle intenzioni dell’autore, evita quelle eccessive libertà del solista che potrebbero «indebolire il carattere della musica, che è sì “capricciosa” ma non informe». L’attributo scelto dal compositore, Capriccio diabolico, è un omaggio a Niccolò Paganini e alla leggenda del suo patto demoniaco; Paganini, oltre ad essere il maggior violinista della storia, fu anche esecutore e compositore per chitarra. la doppia anima paganiniana - quella pirotecnica e quella della dolce cantabilità - emerge nella scrittura di Castelnuovo-Tedesco, che non si astiene dall’inserire citazioni di opere del genovese, come la rapida sezione tratta dalla Grande Sonata per chitarra sola o l’irruzione del motivo de “La Campanella” nelle battute finali.

 

Marco Surace



Scopri di più su Quinte Parallele

 


Estratto dal programma di sala acquistabile il giorno del concerto presso il botteghino IUC

Schermata 2019-05-30 alle 12.32.45.png

CONTATTI

Istituzione Universitaria dei Concerti

Lungotevere Flaminio, 50 00196 Roma

segreteria@istituzioneuniversitariadeiconcerti.it

tel. +39 06 3610051/2 fax +39 06 36001511

 

  • IUC
  • IUC
  • IUC

Creavit libenter Matthaeus Macinanti anno MMXIX